sabato, agosto 18, 2012

L'efficacia dell' ipnosi


Tratto da: www.laredazione.org

Al mio tre… dimagrirai! Dimagrire con l'ipnosi: si può? L'ipnosi è una delle più antiche tecniche dipsicoterapia impiegata per disturbi depressivi, stati d'ansia, disturbi psicosomatici.
L'ipnosi in origine veniva considerata una tecnica "magico-religiosa", nel XVIII secolo venne però riscoperta e introdotta in campo medico dal dottor Franz Mesmer. Il ben più noto Sigmund Freud, usufruì più volte di tale tecnica per arrivare alla radice della "patologica" dei suoi pazienti. Chi si sottopone ad una seduta di ipnosi, infatti, entrano uno stato di trance o di dormi-veglia indotto, capace di farlo accedere alle proprie risorse più nascoste.


Il terapeuta non ha nessun potere, il suo ruolo è quello di aprire una porta, sta al paziente spingerla. L'emisfero sinistro del cervello rappresenta il conscio e l'emisfero destro, l'inconscio e l'emotività. Questa parte inconscia si ricorda di tutto: ogni momento vissuto, ogni sofferenza e gioia, mentre il cervello sinistro digerisce, organizza, dimentica e non capisce dove sta il problema. L'ipnosi è oggi molto utilizzata nel trattamento difobie, depressioni, nevrosi post-traumatiche, alcuni dolori cronici e lutti patologici. L'ipnosi è anche impiegata nei soggetti che desiderano smettere di fumare senza stress e senza ingrassare.

Ma veniamo al punto: dimagrire con l'ipnosi si può! Ma come?

In modo pratico, il terapeuta deve invertire la percezione che noi abbiamo dei cibi, convincendo il nostro inconscio che quelli dietetici siano gustosi e quelli che ci fanno ingrassare disgustosi! Infatti il terapeuta invertirà l'esperienza o l'atmosfera negativa che avvolge le verdure, la frutta e gli altri cibi dietetici, trasportandole su un piano di piacere e desiderio. Questo meccanismo, sarebbe poi da applicare ad ogni singolo cibo, necessario per avviarsi ad una sana e corretta dieta, è come se attraverso l'ipnosi si regolasse il grado di "dipendenza" o di "intolleranza" che noi abbiamo verso qualcosa.


Quanto costa dimagrire con l'ipnosi?

Le tariffe sono di circa 140€ per un'ipnosi di gruppo (per le diete e per smettere di fumare) e 200-220 € per una seduta individuale (di 2 ore). Non è il caso di gridare al miracolo, però! Non sarà certo solo l'ipnosi a farci dimagrire. L'importante non è una magia né un miracolo tecnico e dunque, quando si riapriranno gli occhi, da quel sogno in apnea che si è fatto non si sarà dimagriti di 10kg! Di sicuro, però, se abbiamo volontà e costanza di raggiungere il nostro obiettivo, la tecnica dell'ipnosi si rivelerà un infallibile alleato!

www.psicolife.com



Psicologia e Ipnosi Terapia a Firenze, Roma, Cagliari, Milano, Macerata, Vicenza, Trento, Capua, Teramo, Cesena, Palermo

giovedì, maggio 19, 2011

Ipnosi: magia o scienza ?

A me gli occhi, please - L'immaginario collettivo guarda all'ipnosi come a qualcosa di magico e mistico utile tutt'al più a chi si lascia suggestionare. In realtà non è affatto così

L'immaginario collettivo guarda all'ipnosi come a qualcosa di magico e mistico utile tutt'al più a chi si lascia suggestionare. In realtà non è affatto così

Liberamente tratto da: Libero Donna  Di: Valeria Roscioni - Nexta


Se qualcuno cominciasse a girare per le piazze affermando che: mangiarsi le unghie, soffrire d’insonnia, essere soggetti ad attacchi di panico, ansia e fobie, non riuscire a portare avanti una dieta con coerenza, avere mal di testa, non vivere con serenità e passione l’intimità della vita di coppia, non riuscire a smettere di fumare e, infine, ma solo perché un elenco deve pur avere una conclusione, persino i dolori del parto sono tutti problemi con un’unica soluzione, verrebbe di certo considerato pazzo. E magari curato proprio con l’ipnosi: la soluzione da lui proposta per tutti i disagi più o meno seri appena descritti.

Si tratta di mera suggestione? Di credenze popolari? Di magia nera?Niente di tutto questo: è scienza, pura e semplice, e come tale va conosciuta prima di pensare che si tratti dell’ennesima speculazione sulle fragilità del prossimo a cui la vita di tutti i giorni ci ha tristemente abituati. Posto che, quindi, l’ipnosi non rientra nelle arti magiche, è il caso di specificare che ancora una definizione certa per questo tipo di fenomeno non esiste.

L'ipnosi è “un insieme di fenomeni alla cui base vi e' uno stato mentale naturale con caratteristiche neurofisiologiche specifiche che lo differenziano dallo stato di veglia e del sonno, la cui produzione e' una possibilità normale del corredo neurofisiologico di ogni individuo”. Alias: non c’è niente di anomalo nel cadere in uno stato ipnotico così come non c’è niente di strano ad addormentarsi ed infatti tale stato, esattamente come il sonno, può variare di intensità, fino a raggiungere il sonnambulismo, e può prodursi spontaneamente, essere etero indotto e autoindotto.

Quello che quindi è semplicemente un modo di essere del nostro organismo è anche un modo che permette alla psicoterapia di aiutare gli individui a superare alcuni ostacoli. Non c’è niente di sorprendente: cinesi, egiziani, babilonesi, romani, fin dall’antichità l’ipnosi è sempre stata uno strumento a servizio dell’uomo

... Leggi tutto su www.psicolife.com 

martedì, gennaio 18, 2011

Ipnosi è uno stato di coscienza ?

Per stato di coscienza alterato s'intende uno stato di coscienza diverso dallo stato ordinario, o di base, caratterizzato dalla veglia lucida.
Uno stato di coscienza alterato è caratterizzato da uno spostamento qualitativo nel modo di funzionare della mente, senza implicare il concetto di patologia.
Le alterazioni della coscienza sono di genere molto diverso, ma esse tutte rappresentano una deviazione dallo stato normale di luciditàcontinuità e connessione. I vari modi per indurre uno stato alterato di coscienza, mettono in luce il fatto che il nostro ordinario stato di coscienza è solo una delle tante possibili strutturazioni della mente. Tra gli stati alterati di coscienza i più comunemente noti sono:
  • Trance Ipnotica
  • Ubriachezza
  • Reazione a droghe
  • Reazione a psicofarmaci
  • L'innamoramento e altri stati psicologici
... Leggi tutto su www.psicolife.com 

mercoledì, novembre 10, 2010

Cosa accade in Ipnosi

Prima di illustrare che cosa accade nello stato alterato di coscienza chiamato trance profonda, esaminiamo esempi di casi di trance naturalistica, ossia spontanea e quotidiana, che viviamo (senza averlo mai saputo) ogni 90-120
minuti.

Un esempio di trance quotidiana è quello che viviamo quando:
  • leggiamo un libro
  • guidamo
  • guardiamo un film
  • viviamo momenti di emergenza (piccoli shock)
  • disegnamo o scriviamo in modo automatico (es. mentre stiamo al telefono)
  • siamo assorti in un ricordo o in un pensiero
  • ci prendiamo una pausa fissando un punto o fantasticando
Durante questi stati di trance quiotidiana accadono delle modificazioni psicofisiche evidenti ad un occhio allenato, tra le più evidenti si possono osservare:
  • passaggio al predominio del parasimpatico
  • modificazioni del comportamento oculare
  • modificazioni del comportamento  motorio
  • alterazioni uditive, visive e tattili
  • modificazioni cognitive
  • modificazioni affettive
  • modificazioni del comportamento sociale
... Leggi tutto su www.psicolife.com

    lunedì, ottobre 25, 2010

    Cosa è l'ipnosi ?

    Al di là di quello che sono le credenze comuni e quello che il cinema, la tv e le storie hanno finito con il creare sull'ipnosi, il processo ipnotico non presenta niente di magico, soprannaturale o miracoloso.
    In realtà, si tratta di un fenomeno frequente che ognuno di noi sperimenta (senza averne consapevolezza o dando a esso un nome diverso), nel suo vivere quotidiano e, in particolare, nelle proprie interazioni con gli altri o nei momenti in cui l'accellerazione del nostro vivere frenetico rallenta lasciandoci soli con i nostri pensieri ed emozioni.
    ... tratto da www.psicolife.com

    martedì, luglio 13, 2010

    Social ipnosi



    In seimila per la "Social ipnosi"
    "Truffa". "No, mi ha rilassato"




    Un audio mp3 da ascoltare. Molti i delusi, qualcuno si è
    addormentato, altri hanno detto di essere caduti in trance

    QUALCUNO è caduto in trance, altri si sono semplicemente addormentati e altri ancora si sono considerati truffati dal "Giucas Casella del web". Qualunque sia stata la vostra reazione al primo esperimento di ipnosi di massa online - sempre che ne abbiate preso parte - certo è che lo show messo in rete ieri notte da Chris Hughes , ipnotizzatore e ipnoterapeuta inglese diplomato all'Omni Hypnosis Training Centre in Florida, è stato uno dei più seguiti globalmente negli ultimi tempi. Un evento mediatico a tutti gli effetti, accessibile via web dagli utenti di Twitter e Facebook. Una social ipnosi, insomma, che ha tenuto connessi per oltre due ore migliaia di utenti da 85 paesi del mondo. E anche molti italiani, noi compresi.


    L'appuntamento, dato già da settimane attraverso il sito Social Trance, era per le 20 e 30 inglesi del 4 gennaio con convocazione prevista 15 minuti prima attraverso una mail ricevuta nella casella di posta lasciata al momento dell'iscrizione. Ma l'evento, nonostante l'ottima visibilità data prima dalla stampa inglese e poi da quella mondiale, non è andato come previsto. A un'ora dal via il sito che avrebbe dovuto trasmettere il live audio dell'ipnosi è andato giù a causa delle troppe connessioni simultanee. Colpevoli forse i 10 mila iscritti e i centinaia di curiosi che si sono dati appuntamento per seguire la sessione. Così, nell'attesa, agli utenti non è rimasto altro che confrontarsi sui social network. Il topic socialtrance è stato tra i più popolari su Twitter e il gruppo su Facebook ha raggiunto in poche ore i 10mila iscritti e oltre 500 discussione aperte.


    A soli dieci minuti dall'orario di inizio della trance di massa sono gli utenti, ancor prima del tweet di Chris Hughes, a comunicare il nuovo sito che ospiterà l'evento. Puntuale parte l'audio che trasmette per circa venti minuti una musica new age e puntuali arrivano i commenti degli utenti. Sarà l'attesa, sarà la musica, definita da alcuni subliminale, ma l'ascolto inizia a dare i primi frutti. "Mi sento rilassata", scrive Laura da Londra mentre dall'Argentina c'è chi invece inizia a spazientirsi.


    A calmare gli animi degli aspiranti ipnotizzati è Chris che comunica via Twitter l'imminente inizio e così, tardivamente e soave, arriva la voce del terapeuta inglese che in marcato accento britannico introduce gli ascoltatori alla materia. "L'ipnosi aiuta ad entrare in contatto con il subconscio - spiega subito - e a riuscire negli obiettivi della vita".


    Prima però ci sono da sfatare alcuni miti: "L'ipnosi non fa dormire ma rilassa lasciando la mente cosciente - continua Chris - io non ho poteri speciali ma il successo dipende dalla vostra capacità di lasciarvi andare. Ma soprattutto - conclude - nessuno rimane in stato di ipnosi".


    Tre i segreti della perfetta riuscita: concentrazione, flessibilità mentale e buona immaginazione. Giusto il tempo di rispondere ad alcune domande arrivate in tempo reale, anche dall'Italia, e Chris saluta gli ascoltatori: per motivi legati alla legge inglese l'ipnosi non potrà andare in diretta ma chi lo vorrà potrà scaricare l'audio in mp3 da un link 2 che tempestivamente appare sul sito. Immediata la risposta dei centinaia di utenti tenuti in sospeso dalla tranquilla voce di Hughes.


    Truffa, la più grande del nuovo anno, è il termine più utilizzato su Twitter e su Facebook c'è anche chi, a commento del tempo perso nell'ascolto, spende anche parole un po' più forti. Ma Chris è un professionista nel calmare gli animi e si scusa pubblicamente su Twitter spiegando che la delusione è grande soprattutto per lui.


    I più motivati non si danno per vinti e procedono all'ascolto dell'audio. Venti minuti di viaggio mentale che conduce fino all'ipnosi. Si inizia stendendosi a terra e chiudendo gli occhi, poi tocca alla mente portare i muscoli in totale rilassamento e lasciarsi andare come guida la voce, sempre più soave, di Chris. La vera ipnosi inizia con la visualizzazione di una scala di dieci gradini, il terapista conterà da uno a dieci e una volta raggiunto l'ultimo il web paziente sarà in pieno possesso della sua volontà e della sua vita e potrà decidere, a subconscio aperto, di dare una svolta. Ognuno scelga cosa vuole cambiare: smettere di fumare, di bere, di mangiare cibi nocivi o di uscire da una brutta situazione. Ciò che importa è che quando Hughes conterà da uno a cinque gli occhi torneranno ad aprirsi. Fine delle trasmissione.


    L'evento continua in diretta sui social network. Come è andata? Su Facebook c'è chi apre un sondaggio: ipnotizzati o no? In oltre 200 hanno risposto e il trend è positivo anche se più che di trance gli utenti parlano di profondo rilassamento. Ma no per tutti. Nigel Lewis, che di professione fa l'ipnoterapeuta, si dichiara truffato dall'esperimento: "Il web è pieno di audio mp3 che inducono all'ipnosi ma qui più di 8mila persone sono state ingannate per circa un'ora. Chris avrebbe dovuto assicurarsi prima della possibilità legali di trasmettere l'ipnosi e spero solo che questa non sia l'ennesima forma di marketing online".


    Doveva entrare nel Guinness dei primati come la più grande ipnosi di massa proprio nella giornata mondiale dell'ipnosi ma è stato soprattutto un'esperienza di condivisione online.


    P.S.
    La nostra esperienza. La fase iniziale dell'esperimento, quella che prevedeva l'ascolto della musica, ha prodotto un piacevole effetto di rilassamento che, prolungato oltre i dieci minuti, si è trasformato in intontimento. La parte introduttiva, quella sull'ipnosi, ha contribuito alla preparazione e ha chiarito alcuni aspetti oscuri permettendo di prestarsi all'esperimento con maggiore serenità. L'ultima fase, quella di vera ipnosi, ha prodotto un iniziale scetticismo e difficoltà al rilassamento che, dopo i primi dieci minuti, si è però trasformato in uno stato di dormiveglia. Difficile però definirlo ipnosi: più probabilmente semplice sonno. I venti minuti di sessione non hanno quindi generato un effetto di trance ma, a fine esperimento, è rimasto particolarmente impresso nella memoria il concetto di essere padroni della propria vita. Questo sì.

    Articolo di: BENEDETTA PERILLI

    Tratto da: Repubblica.it

    Psicologia e Ipnosi Terapia a Firenze, Roma, Milano, Cagliari, Vicenza, Teramo, Macerata, Capua, Palermo, Trento

    martedì, giugno 01, 2010

    Prova Costume: la dieta dell’Ipnosi Attiva

    Pubblicato da Serena Vasta in Alimentazione, Dieta E Fitness, Primo Piano,Prova Costume.


    Secondo le ultime statistiche l’80% degli italiani non è pronto per la prova costume, nel Bel Paese si mangia un pò troppo o forse semplicemente si mangia male, si propende per cibi grassi ma veloci da preparare e si opta per cotture più rapide ma meno sane. Ma come fare ad arrivare in forma alla prova costume anche se siamo già a fine maggio?

    Le soluzioni sono due, o puntate sulla prossima estate se i chili da perdere sono troppi, oppure se non avete troppi chili da perdere potete seguire una dieta sana e a ridotto contenuto di grassi in questo modo in un mese riuscirete a perdere circa 4 - 5 chili.

    L’ultima frontiera per prepararsi alla prova costume è la dieta dell’ipnosi, in pratica si associa una sana alimentazione a questa terapia di ipnosi che in teoria dovrebbe aiutare a rafforzare la nostra povera forza di volontà che, quando si tratta di seguire una dieta, lascia sempre a desiderare.

    Stefano Benemeglio ha dichiarato: “L’Ipnosi non è propriamente una tipologia di dieta ma una tecnica con la quale si può dimagrire perché si riesce ad affrontare meglio la dieta, di qualunque tipo essa sia, senza quella sensazione di frustrazione e di privazione che usualmente caratterizza le diete“.

    Voi ricorrereste all’ipnosi per riuscire a dimagrire? Quanto tempo passa prima che vi stancate di una dieta?

    visita il sito:

    www.psicolife.com

    Psicologia e Ipnosi Terapia a Firenze e Roma e Milano

    KATE MOSS, INCINTA GRAZIE ALL'IPNOSI

    La modella in guerra con i suoi vizi

    Kate Moss vuole rimanere incinta. La top model e il compagno, Jamie Hince, chitarrista dei The Kills, desiderano metter su famiglia insieme. Ma, a quanto pare, la bella star delle passerelle fuma e beve troppo tanto da dover ricorrere all'ipnosi per riuscire a smettere.

    Un amico della coppia ha raccontato al Sun: "Kate fuma e beve troppo. Così ora sta andando in terapia per poter smettere". La Moss infatti è consapevole che prima di rimanere di nuovo incinta, è già mamma di Lila di sette anni nata dalla relazione con Jefferson Hack, deve assolutamente abbandonare le cattive abitudini. Pare che l'ipnosi stia già dando dei risultati: "Kate è davvero felice delle sedute, ha già iniziato a sentirne i benefici". Tanti auguri!

    www.psicolife.com

    Psicologia e Ipnosi Terapia a Firenze e Roma e Milano