mercoledì, marzo 29, 2006

Atti linguistici, azione attraverso la parola. Parte III

Il Monoideismo e la fede

Usualmente si distinguono diversi tipi di trance: ipnotica, mistica, medianica, psichedelica. Lo stato di trance può quindi essere indotto in svariati modi. Se durante la trance l'attenzione della persona persiste per un tempo sufficiente nel suo monoideismo allora può manifestarsi una ideoplasia. In tal caso l'idea ha trasformato il suo contenuto in azione in virtù della stretta correlazione tra mente e corpo. Si può persino arrivare alla realizzazione di svariati fenomeni psicosomatici tra cui le stigmate.
A questo proposito Alfonso Siani scrive: "Se una persona, che partecipa ad una funzione liturgica molto toccante in un Santuario rinomato dove si è recata con un'aspettativa di guarigione da una malattia, ad un certo punto entra in trance in uno dei modi prima visti (anche senza saperlo) e la sua attenzione è focalizzata unicamente sull'idea di guarigione, se indugia adeguatamente su tale idea realizza un'ideoplasia, in altre parole dà avvio ad un processo di guarigione che può essere più o meno veloce." (Alfonso Siani, Manuale di ipnosi, Selecta Medica , Pavia, 2000, p. 7)

D'altronde la fede consiste in alcuni "ingredienti" ben conditi fra loro: forte aspettativa positiva, attivazione emotiva, abbassamento della funzione critica e monoideismo.

Questi quattro elementi garantiscono l'attivazione dell'emisfero destro capace di influire - in virtù di ideodinamismi - sulle funzioni che regolano soma e sistema neurovegetativo: "il cervello psichico, pre-ipotalamico, mobilizza l'energia affettiva annessa all'idea per dar luogo, nell'ipotalamo che fa da trasformatore ad una sintesi di neurotrasmettitori, di mediatori, di peptidi e di ormoni, i quali a cascata trasmettono l'informazione di quella sia nel cervello nervoso, post-ipotalamico, e sia nel resto del corpo, per trasformarla in azione." (Alfonso Siani, Manuale di ipnosi, Selecta Medica , Pavia, 2000, p. 57)

Quando si parla di ipnosi ci si riferisce spesso a un "vuoto di potere" o a uno stato di regressione a modelli di funzionamento arcaici. Sostanzialmente con queste metafore si fa riferimento al blocco dell'emisfero dominante (sinistro) e all'accesso all'emisfero destro mediante un linguaggio appropriato alla logica di tale emisfero.
Lo stato alterato di coscienza che ne deriva può essere utilizzato come insegnava Erickson a superare o a ristrutturare i limiti derivanti dagli schemi cognitivo/comportamentali operanti durante lo stato di veglia.

Le parole, i simbolismi, i gesti evocano, stimolano ricerche transderivazionali, sono potenti riflessi condizionati che mobilizzano energie emotive capaci di trasformare l'idea suggerita in ideoplasia.
"...ad ogni parola, ad ogni metacomunicazione, ad ogni significato, formanti la cultura dell'emisfero sinistro, corrisponde una rispettiva energia psicodinamica, che rappresenta la registrazione della stessa esperienza nell'emisfero destro, pronta per essere mobilizzata. Ricordo per inciso che la mente inconscia dispone anche di tutta l'esperienza trasmessaci dagli avi (inconscio collettivo)" (Alfonso Siani, Manuale di ipnosi, Selecta Medica , Pavia, p. 34)

La parola che penetra nell'emisfero destro (per distrazione o sovraccarico dell'emisfero sinistro e per attivazione dell'emisfero destro) si trasforma in suggestione, in convincimento assoluto, in fede in quanto nell'emisfero destro non è presente la funzione critica. In magia si insegna a non raccontare a nessuno i particolari rituali che si stanno praticando...

Ipnosi illusionismo e poteri paranormali
Ipnosi e illusionismo... un legame forse poco evidente ma che può cominciare a definirsi a partire da un esempio di induzione:

Preambolo

(siediti accanto al soggetto sul suo lato sinistro - se sei destro perché dovrai usare la mano destra)

"Puoi sederti comodamente, perfavore?

....

"Ti spiace se mi siedo accanto a te?"
(Rassicura che non stati inducendo la trance, che prima vuoi semplicemente spiegare una tua teoria e poi chiederai il permesso di indurre la trance, quindi non è necessario che ora vada in trance.)

"Qual'è il tuo animale preferito?"
(catturi l'attenzione del soggetto, apparentemente il rapporto è adulto-adulto mentre analogicamente è adulto-bambino. È tipico infatti per il bambino ricevere una serie di domande curiose. Fai altre domande per stabilire rapporto)

"Una cosa che mi ha sempre affascinato è il modo con cui gli animali portano in giro i loro piccoli. Sai a cosa mi sto riferendo, non è vero?"

"Si, esatto. La madre semplicemente con i suoi denti li prende in modo molto delicato per la collottola e il cucciolo completamente rilassato si lascia dondolare mollemente. Un momento prima poteva saltellare vivacemente e giocare e poi, nel momento in cui viene preso, questa creatura vivente diventa completamente rilassata. Chiaramente c'è una buona ragione per questo. Per milioni di anni la natura ha svillupato e implementato a livello profondo una serie di riflessi innati. Nel momento in cui la pelle della nuca viene presa, il processo di sospendere e spegnere ogni attività compare automaticamente. Una gatta non ha bisogno di dire: "Ora, sii un bravo bambino/a" (usate il sesso del soggetto) "Sono qui per aiutarti. Vieni con me senza lottare. Sii rilassato e fiducioso" E il piccolo, un atttimo dopo diventa flaccido e totalmente rilassato. Puoi immaginarti chiaramente/facilmente questo, non è vero?

(Lo scopo è quello di imprimere chiaramente l'immagine del gattino, inoltre si usa la sottolineatura analogica per fare passare metaforicamente alcuni concetti come rilassamento e fiducia nell'ipnotista.)

"Ti starai chiedendo come funziona questo riflesso. Bene, nella spina dorsale a livello della nuca ci sono certe parti importanti del sistema nervoso. Sono le parti più antiche che regolano l'eccitazione e il rilassamento. L'attivazione di alcune aree possono farti sentire molto sveglio e attivo mentre altre parti hanno l'effetto opposto e tu cominci a sentirti assonato. Esperimenti autorevoli hanno dimostrato che queste strutture sono presenti in tutte le persone, a dire il vero in tutti i mammiferi e quindi noi lo abbiamo ereditato da loro."
(Deve passare in modo scientifico l'autenticità del fenomeno)

"Così appena la pelle del collo del cucciolo viene presa e contratta i nervi della spina dorsale immediatamente comunicano irresistibilmente: "Afflosciati, rilassati, assonnato, occhi chiusi, vieni semplicemente con me" Questo è molto più facile per la madre piuttosto che verbalizzare: anche perché ha la bocca è già occupata. Non è meravigliosa la natura?"

"E come ho detto gli esseri umani hanno gli stessi centri nel cervello come gli animali.
Mi chiedo se tu hai mai pensato a come si deve sentire un cucciolo quando viene preso? Certamente non possiamo chiederglielo. Ma sembra che la natura rende piacevole ciò che è necessario. Quando sei affamato provi grande piacere nel mangiare. Quando hai sete anche un bicchiere fresco d'acqua è stupendo. E i gattini sembrano certamente felici quando la madre si prende cura di loro. Possiamo presumere che ciò è dovuto alla necessità che la madre quando sono piccoli li prenda per la collottola. E noi umani abbiamo gli stessi centri nel nostro cervello."
(Ricorda che la persona è sempre in contatto con te con gli occhi e deve fare un certo sforzo girandosi, l'immagine dei gattini comincia ad essere veramente interessante così come abbassare il collo e togliere la tensione.)

"Io credo che se fossi un gattino, il sentimento evocato dall'essere preso per il collo sarebbe per me il seguente: all'inizio sentirei il piacere della pelle gentilmente toccata e subito dopo avrei il sentimento di calore e di qualcuno che si prende cura di me. (comincia a parlare lentamente e in modo assonnato, ciò dà il tempo alla persona di tradurre queste informazioni in sensazioni). Ciò mi porterebbe a una sensazione di totale beatitudine e rilassamento, e tutti i miei muscoli si affloscerebbero. (dillo lentamente e ricalca e guida non verbalmente la persona in trance, quando dici si affloscerebbero rillassa i tuoi muscoli specialmente quelli del viso, tutto ciò si basa sul sistema automatico di imitazione degli esseri umani quando interagiscono.) La mia testa cadrebbe in avanti (fallo vedere) Sarebbe uno dei più grandi piaceri della mia vita. Un po' come dormire ma non addormentato. (pausa) Sarebbe come volare. (pausa) Volare per l'aria leggero sensa sforzo, beato, in pace, rilassato, niente potrebbe essere migliore.

(poi passa a un tono più veloce e concitato molto diretto) "Ora, questo riflesso può essere usato in ipnosi nel modo più rapido e piacevole possibile. (la velocità e concitazione permette di sovraccaricare, continuate con questo tono)
"A dire il vero le persone pensano che l'ipnosi non sia altro che la corretta attivazione di questo riflesso nel midollo spinale. Alcuni ipnotisti lo fanno lungamente e pesantemente con le parole. Ma io ti dimostrerò, se tu sei d'accordo, come è facile nel modo in cui lo fanno tutti gli altri mammiferi. Con il tuo permesso ti accarezzerò gentilmente la pelle del tuo collo e all'inizio sentirai un senso di rilassamento calare su di te, la tua testa si piegherà fino a cadere mollemente in avanti e ti sentirai magnificamente. Ti piacerebbe provare?
(Avuto il sì passate a massaggiare con la mano possibilmente bella calda il collo dall'alto in basso con il pollice e l'indice tirando la pelle indietro, non c'è bisogno di parlare anche se di tanto in tanto potrai ricordare il gattino o l'animale preferito e le sue sensazioni).

Poi ti tiri indietro e chiedi come è andata. Se tutto è andato come previsto: "Molto bene, hai visto come è facile, ora sono sicuro che ti coinvolgerai nel provare ancor più quel sentimento di.. (usa la frase usata dal cliente).
(in questo modo installi un processo di rinforzo e le trance una dietro l'altra conducono invariabilmente a una trance ancor più profonda. Infatti questo svegliare e addormentare va fatto più volte fino a quando dichiarerai: "Ora sei in uno stato profondo di trance" e si passa alle fasi successive. )

L'induzione vera e propria dura solo qualche secondo ma ciò che conta in questa trance sono le premesse. Un pubblico non accorto non se ne renderà conto e penserà che l'ipnotista è stato bravissimo mentre sono i preamboli (cioè settare le convinzioni) e il contesto, che determinano la trance. In un altro contesto l'induzione non avrebbe avuto alcun senso e quindi alcun effetto.

La cosa curiosa è che il processo ha effetto indipendentemente dalla verità del fatto scientifico e dalle ragioni apportate dall'ipnotista per supportare e spiegare il fenomeno.

In questo caso l'ipnotista ha utilizzato una tecnica da prestigiatore, ha distratto l'attenzione e poi ha fatto intendere che la trance iniziasse dal massaggio sulla nuca mentre come in molti giochi di prestigio il trucco era già avvenuto prima ancora di incominciare.

to be continued...

www.psicolife.com

Nessun commento: